mercoledì 9 maggio 2018

siti web e GDPR, Cookies e dati personali



Il 25 Maggio entra in vigore la nuova normativa per il trattamento dei dati personali e dato che è n argomento d'interesse comune ho pensato di condividere con voi quello che ho appreso e scoperto informandomi presso professionisti e ricercando news specifiche nel web. 

Il GDPR si applica anche a coloro che hanno un sito web destinato a scopi commerciali e/o che eseguono trattamenti di dati non personale (un esepio possono essere le agenzie telefoniche o di procacciatori d'affari). 

Ho cercato informazioni ovunque ma nella maggiorparte dei post ho trovato solo liste di numeri, date e abbraviazioni di leggi per me incomprensibili e dato gli stretti tempi ho cercato di capire: 

Cosa dovremo fare nei nostri siti per essere a norma entro il 25 Maggio?

Dobbiamo preoccuparci che la conservazione dei dati dei nostri visitatori del sito sia dichiarata in modo esplicito e che ne vengano dichiarati in trasparenza gli utilizzi che ne intenderemo fare . 

Inoltre i dati conservati devono avere una "scadenza"dichiarata oltre la quale la detenzione e l'utilizzo da parte nostra divengono illeciti. 

Qualora si trattassero dati personali aziendali o dati sensibili le aziende ed i professionisti sono tenuti a nominare un responsabile tenuto a dar conto degli usi e della raccolta di dati da parte dell'azienda attraverso moduli, siti , app acc...

I dati che raccogliamo attraverso i nostri siti sono derivanti dalle "iscrizioni"(form) e raccolti in modo trasversale attraverso l'utilizzo dei cookies (che siano nostri o di plug-in che utilizziamo).
Un cookie è un piccolo file di testo che i nostri siti salvano sul computer o dispositivo mobile dei nostri visitatori mentre ci visitano.
Grazie ai cookies il nostro sito ricorda le azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che il nostro cliet non debba reinserirle quando torna sul nostro sito o naviga da una pagina all'altra.  Ma esistono anche cookies di protezione, pubblicità, profilazione, cookies tecnici ecc... Alcuni hanno bisogno di essere dichiarati, altri no ma sinceramente a scanso di equivoci io consiglio di dichiararli tutti ed evetare incomprensioni o fraintendimenti.

A dirla tutta, l'argomento dei cookies è vastissimo ed estremamente ingarbugliato.  Ci sono cookies che richiediamo direttamente attraverso il nostro sito (e a tal proposito il nostro cms o il nostro programmatore sono tenuti a darci le dovute informazioni) ma esistono anche altri cookies che richiediamo attraverso l'utilizzo di plug-in e servizi di monitoraggio appartenenti a terzi (ad esempio Google Analytycs) e a tal proposito non ci resta che rimboccarci le maniche e cercare cosa e come scrivere nei nostri siti per informare i navigatori di tutto ciò che raccogliamo o inviamo durante la visita nei nostri siti, sia per conto nostro che per conto di terzi. Se non lo sappiamo è nostra responsablità contattare i nostri fornitori e raccogliere le notizie necessarie in modo da poterle trasmettere ai nostri visitatori.

Dopo aver fatto tutto siamo tenuti ad inserire nel nostro sito un banner informativo di questo tipo:
"banner informativo" previsto dalla nuova legge GDPR riguardante la privacy , raccolta e utilizzo dei dati personali e sensibili.

con i link ad informazioni più dettagliate e precise che possiamo farci consegnare da un consulente legale o acquistare attraverso dei portali di consulenza legale in materia di privacy on-line.

Un'altro punto importante, prima accennato, è quello dei "form" secondo il quale comunque devono essere dichiarate le motivazioni per le quali viene richiesta la compilazione del modulo e che cosa intendiamo fare con i dati che i visitatori ci  rilasciano inserendoli nel formulario.

Infine qualunque dicitura cerchiate e qualsiasi informativa dovete inserire nel vostro sito vi segnalo un portale di servizi "legal-web" che ho trovato estremamente utile, immediato e semplice nell'utilizzo, dispone sia di servizi gratuiti che di servizi a pagamento: 


Con questo vi saluto e spero di essere stata abbastanza sintetica ed esaustiva, ovviamente è inutile precisare che se volete informazioni più dettagliate è opportuno un consulto con un legale del web (cosa che io non sono).

 Corriamo a lavorare ai nostri siti perchè le sansioni previste per chi non è a norma sono veramente salate! 

mercoledì 18 aprile 2018

Arte, moda, design, etica e verità : Bettina Buttgen

Oggi voglio parlarvi un un luogo unico nel suo genere dove Arte, moda, artigianato, qualità e rispetto per la natura e l'ambiete s'incontrano dando vita a prodotti unici, esclusivi ed in stretta corrispondenza con l'etica GOTS certificate.

L'Atelier di Bettina Buttgen.

Atelier di Bettina Buttgen - Arte da Indossare
(Forio d'Ischia - NA)

La struttura è  composta da due piani, nei quali si respirano "profumo d'arte", dedizione e passione per un lavoro unico nel suo genere. Al  primo piano c'è uno spazio dedicato allo shop con una piccola sartoria di rifinitura del prodotto.

La mano di Bettina Buttgen mentre dipinge 



 Al secondo piano seminterrato c'è il luogo in cui nasce la magia. I pennelli scorrono sui tessuti creando una "sinfonia" di colori, Toni caldi e freddi s' intrecciano raccontando delle storie uniche, le storie dei luoghi dell'isola d'Ischia attraverso gli occhi di un'artista, Bettina Buttgen.

Piano seminterrato del laboratorio creativo / atelier di Bettina Buttgen

Bettina Buttgen


Ho incontrato questa stupenda artista ed artigiana per lavoro ma ho trovato anche un'amica. Una persona solare, leale , onesta e particolarmente sensibile alle problematiche sociali ed ambientali alle quali non è capace ri restare indifferente. Ogni prodotto artigianale non è solo stupendo e unico ma è anche etico e sociale.


Fiori realizzati a mano in un'etica di commercio solidale
con le donne della Siria.
Alcuni ricami provengono dalle mani sapienti delle donne Siriane. Sulla base dei prototipi progettati da Bettina, è nato un commercio solidale che permette a queste donne di offrire le proprie abilità in modo da potersi guadagnare una propria indipendenza economica e di conseguenza anche sociale.




Tutto è nato durante un viaggio dove l'occhio attento di Bettina è stato stregato dalla bravura e dalla precisione del lavoro di queste donne che però avevano bisogno di una guida per la produzione di ricami che potessero piacere anche a chi punta in alto e necessita di precisione ma anche di originalità e stile. Così Bettina ha richiesto sulla base dei suo prototipi dei fiori che si distinguono per il resign originale e preciso e per la manodopera applicata esclusiva e socialmente utile.



Bijoux artigianali realizzati a mano
Ogni scelta è etica anche dal punto di vista ambientale, la lana che viene utilizzata nell'atelier proviene da pecore tosate in clima di serenità e privo di ogni sorta di sofferenza, il forno in cui vengono fissate le tinte è a vapore...

Le ispirazioni di cui si nutre l'atelier sono infinite e spaziano a 360° con un particolare occhi al patrimonio naturale dell'isola d'Ischia che ogni giorno offre scenari di rilievo artistico. Successivamente Bettina elabora una sintesi dettagliata dei colori e delle forme  dando vita a delle texture che non sono solo "decorazioni" ma sono delle vere e proprie opere d'arte da Indossare.


La scelta è davvero vastissima e ogni bijoux, accessorio o capo di abbigliamento è unico nel suo essere, inconfondibile ed eccezionale per originalità, stile e valore etico. Per regali da fare o da farsi c'è davvero una gamma di prodotti d'artigianato alla portata di tutti...




Credo che l'atelier di Bettina debba essere uno dei luoghi obbigatori da visitare per chi viene ad Ischia perchè non è solo un negozio ma è un posto un cui ambiente, tradizione, arte e patrimonio ischitano s'incontrano.

Sintesi artistica di un tramonto foriano dipinta su lana.

Sintesi artistica di un panorama ischitano
dipinto a mano su lana.

Sintesi artistica di un tramonto rosso foriano dipinto su lana.


per chi desidera scoprire di più vi lascio il sito dello shop:http://www.bettinabuttgen.com/

il blog dell'artista: http://bettinabuttgenartedaindossare.blogspot.it/

ed il link della pagina facebook: https://www.facebook.com/BettinaButtgenArteDaIndossare/




venerdì 26 gennaio 2018

Ricerche grafiche: Arte, fotografia e Graphic Design


Fin da piccola mi ha sempre stupito il momento il cui si spegnevano le lampadine e  restava il filo incandescente di tungsteno a disegnare nell'aria qualcosa che per pochi istanti mi faceva sognare ad occhi aperti.
Così ho avviato questa mia "ricerca grafica | Artistica". Una lampadina, un pezzo di bicchiere di vetro (che ho involontariamente rotto), una macchina fotografica ed un programma grafico per ingrandire le immagini, contrastare i colori e cercare al loro interno "sogni ad occhi aperti da condividere".
Così scatto dopo scatto e "scarto dopo scarto" ho trovato qualcosa di meraviglioso: L'anima naturale della Luce...





Kisses
L.

sabato 6 gennaio 2018

Per dare una voce al mare: Citizensciencerdn e Citizensciencepc

Oggi vorrei attrare la vostra attenzione su un progetto a cui ho avuto l'onore di collaborare nel 2017 e che ritengo tra i migliori dell'anno scorso.

Portale www.citizensciencepc.org (Punta Campanella)
 I Progetti di comunicazione visiva e web dei portali citizenscience per la salvaguardia dei nostri mari.

www.citizensciencerdn.org e www.citizensciencepc.org



Portale www.citizensciencerdn.org (Regno Di Nettuno)
Grazie ad alcune delle aree marine protette (rdn e pc) ho avuto l'occasione di diventare uno strumento "vivente" nella realizzazione dell'esercito dei guardiani popolari del mare.

Sono orgogliosa di sentirmi come la costruttrice di un imbuto (progettato insieme a persone di cui ho un'enorme stima meritata) all'interno del quale chiunque può far scorrere segnalazioni (positive o negative) riguadanti eventi scientifici, naturalistici e sociali .

Ogni richiesta avrà la sua risposta. Se hai visto un'illecito marittimo, se hai scoperto una specie che non avevi ancora visto o la natura ti ha mostrato uno spettacolo raro basterà accedere ai portali e  fare la tua segnalazione nell'area deidicata compilando l'apposito form. Un'intera equipe di studiosi "Super qualificati", ti risponderà e pubblicherà i risultati degli studi effettuati o gli interventi realizzati (bonifiche, rimozione di rigiuti ingombranti ecc...).

Ho vissuto un'occasione unica che mi ha dato modo di collaborare e conoscere persone stupende che mettono la loro vita ed il loro tempo al nostro servizio garantendoci un mare pulito e protetto. Per la prima volta non mi sono sentita "una su un'isola" ma una persona fortunata perchè accerchiata da un tesoro sommerso.
Voglio ringraziare in modo particolare tutte le figure professionali scientifihe e organizzative che mi hanno ricordato ancora una volta la bellezza del nostro partimonio naturalistico sommerso.



Le emozioni più grandi le ho vissute quando i referenti hanno presentato i portali a Roma eaprendoli al mondo e mi hanno invito le foto dei manifesti che hanno creato ...
...e quando sono arrivate le prime segnalazioni.
Non era un sogno ma era finalmente la concretizzazione del lavoro di tante persone che nel silenzio fanno un grande lavoro e ci offrono a nostra insaputa inestimabili Servizi. 

Grazie a tutti!








mercoledì 6 dicembre 2017

Gli Hashtag: cosa sono e come usarli

Gli Hashtag: cosa sono e come usarli

Nel mondo del SEO si sente spesso parlare di hashtag, della loro capacità di moltiplicare la tua visibilità e magari di incrementare il traffico del tuo sito se corrispondenti alle parole chiave che hai scelto per la tua campagna pubblicità.
Ma ora chiediamoci una cosa: quante persone realmente effettuano ricerche utilizzando gli #?  Quante volte quando cerchiamo "scarpe" o "accessori moda" prima di scriverlo nella casellina di ricerca lo precediamo da un #?

Un hashtag è funzionale all'obiettivo SEO
1- quando è contestualizzato
2-quando non fondi  la tua campagna social esclusivamente si questi
3-quando è utilizzato sui canali giusti

  1. quando l'hashtag è contestualizzato, o meglio se aggiunge valore a ciò che stai dicendo. Ad esempio:
 -Sei su Twitter e stai commentando la cerimonia di premiazione del panettone migliore d'Italia e l'evento è stato pubblicizzato e definito da una serie di hashtag già popolari
-  se su Instagram stai pubblicando una foto che ti è stata ispirata da una serie di altre foto sullo stesso tema
Il discorso degli hashtag è basato sostanzialmente sul discorso di popolarità: L'hashtag che da più risultati è quello utilizzato da più persone per contraddistinguere delle caratteristiche della propria azienda, dei propri servizi o dei propri prodotti ma che sono comuni alle tue.

L’hashtag  serve a far capire meglio di cosa stai parlando, ma è utile anche a te, perché ti avvicina e ti mette in relazione con il tuo pubblico accreditandoti in una "comunity virtuale" che abita in determinate parole: #hashtag.

  1. Se usi gli hashtag per farti conoscere devi pensare bene  ai risultati che quell’hashtag ti può condurre. E'  utile sapere che gli hashtag non sono segni distintivi ma funzionano da collettori di contenuti.
3. Poi c’è un discorso di canali (terzo punto da tenere in considerazione):

I social sui quali di hashtag sono benvoluti  sono Instagram e Twitter.
- Su Instagram i post  contenenti  dai 13 hashtag in su sono i più popolari, instagram è un social che comunica prevalentemente attraverso i canali visivi e gli hashtag non fanno altro che "raggrupparli per aree d'interesse", quindi è importante appartenere al gruppo virtuale nel quale ci si vuole far trovare.
-Su twitter il numero ottimale è di massimo un paio di hashtag, è stato testato che post con un numero di hastag superiori  innescano un meccanismo quasi inverso.
-Su facebook invece sono da evitare  al 100%. Facebook è un canale "di racconti" nel quale le persone si aspettano di leggere contenuti  confidenziali e poco commerciali. Se desideri vendere il tuo prodotto sarà necessario raccontare come lo hai fatto piuttosto che decantarne le qualità.
- gli hashtag su Facebook sono da evitare: la reach dei post è migliore se non si usano hashtag, e più hashtag aggiungo più la mia reach diminuisce
-gli hashtag su Instagram invece sono utili per fare crescere la propria comunità: i post con più di 11 hashtag hanno mediamente più interazioni
-su Twitter il tasso di interazioni aumenta con 1-2 hashtag, e diminuisce a partire dal terzo hashtag.

martedì 10 ottobre 2017

Tutti al compleanno di Olivia!

Tutti al Compleanno di Olivia !!!

"Olivia" compie 35 Anni e per festeggiare questo lietissimo evento le Boutique Anthea e le Profumerie Scotti hanno Organizzato un evento Fashion per festeggiare insieme questa occasione.

Ma chi è Olivia? Lo scoprirete il 14 Ottobre 2017, ore 19.30
 Presso la Boutique Anthea (Sede di Lacco Ameno - C.so A. Rizzoli, 144). All'evento non mancherà davvero nulla:
 Musica (by Groove Street Mania),  Aperitivo (con il delizioso vino della Tenuta Tenaglia), Atmosfera, Moda, Design e Ovviamente Olivia, Ospite d'onore per eccellenza. Le bellissime modelle sfileranno per voi e daranno vita a capi d'alta manifattura acquistabili presso gli store.
Una serata all'insegna del Beauty e dello Charm dove conoscere le nuove tendenze moda "Inverno 2017-18" e passare una serata #peritivando insieme a ritmo di MUSICA.
Stanno tutti all'opera e manca pochissimo! Non perdere l'occasione e di sicuro ne resterai sorpreso!

giovedì 6 luglio 2017

“Street Art for Scampia Regeneration” - Arte Accessibile per Luoghi Accessibili

 La VERA Street-Art Mette piede ad Ischia e si racconta in tutta la sua interezza.

https://www.ischiastreetart.it/eventi/interni/arte-accessibile-per-luoghi-accessibili/

Sabato 15 luglio 2017 alle ore 20:00 verrà inaugurato lo spazio espositivo nello spazio sottostante ad una delle torri saracene di Forio “Ischia Street Art” in via Costantino 28 ( Forio d'Ischia) , con la mostra a cura di Roberto Danilo Tisci 

 “Street Art for Scampia Regeneration” : arte accessibile per luoghi accessibili, 

con le opere degli artisti:

 Glam, TDR, Zeir1, Trone, Fuso, Erot, Zago, Chenor, Wuk1, Eroin, Smok, MR.Fumo, Scampia Hand Made.

La Street Art è sempre più spesso veicolo per la fruizione delle periferie, intervenendo in quelle aree in condizioni marginali, riconfigurandone l’identità logorata dal diffuso degrado che rappresenta una delle più grandi barriere per questi luoghi.  Frammenti marginali di città, tra luoghi e non-luoghi, per i profondi e diversi disagi che li attraversano, sono stati ribattezzati da Renzo Piano come “le città del futuro” per le quali è necessario immaginare e realizzare da subito “un rammendo” coerente e intelligente.  

Gli street artist che fino a qualche anno fa erano considerati veri e propri vandali, spesso perseguitati, multati e condannati per deturpazione, oggi sono considerati come la voce di questi luoghi e l’unico strumento efficace di contrasto all’isolamento che li affliggono.  

Dal 2014 il progetto “Dalla periferia, al muro, al design” si occupa di rigenerazione urbana a Scampia, partendo da quella culturale, attraverso il coinvolgimento di giovani svantaggiati del quartiere in workshop che terminano con un evento svolto in un luogo a cui si sceglie di conferire una nuova qualità ambientale attraverso una performance da parte degli artisti invitati a partecipare all’intervento. Ciò consente la creazione di nuove sinergie tra le realtà che già operano nel luogo, puntando ad un riuso degli spazi vuoti o sottoutilizzati, andando a connotare l’intero spazio come un osservatorio, o meglio una nuova finestra di navigazione, sulle possibili trasformazioni urbane nell’ambito della sostenibilità ambientale, attivando la partecipazione, coltivando relazioni ma soprattutto sperimentando sogni collettivi. 

Nell’ambito dell’esperienza di dialogo tra street art e design, questa mostra rappresenta il risultato della ricerca sviluppata ad oggi a Scampia, attraverso la sinergia degli artisti intervenuti sul territorio e Scampia Hand Made, startup che opera nell’ambito dell’arte, design e rigenerazione urbana, con opere indoor e outdoor, molte delle quali nascono mediante un concept di recupero di alcuni pezzi delle opere murali realizzate in strada.